Oggi trattiamo il tema degli investimenti in Diamanti cercando di  mettere in evidenza luci ed ombre di questo settore. Questo campo, lo diciamo subito, è particolare e poco adeguato per chi non ha esperienza e conoscenze specifiche, onde evitare di incappare in affari poco trasparenti ed onesti.

I Beni Rifugio cosa sono?

Chi non ha mai sentito parlare dei Beni Rifugio? Si sentono questi termini soprattutto nei momenti in cui l’economia non va bene: perché? In uno stato di economia debole, investire in diversi asset, sia azionari che obbligazionari, aumenta il rischio di perdita del proprio denaro.

L’esperienza tremenda del Covid ha insegnato che a fronte di situazioni anche assolutamente imprevedibili, anche aziende ritenute assolutamente sane e sicure possono entrare in fortissima difficoltà e chi ha investito su queste perde denaro inevitabilmente.

Alcune materie preziose come ad esempio l’oro, mantengono comunque sempre il loro valore, anzi, nelle difficoltà economico-finanziarie, lo accrescono. Ecco perché nei periodi difficili ed incerti è utile investire il denaro nei Beni Rifugio.

Oro, abbiamo detto, quindi, ma anche argento, tutte materie che hanno un loro mercato regolato e che di conseguenza sono trasparenti nelle contrattazioni. Soprattutto in anni recenti si è evidenziato anche un mercato dei diamanti.

Purtroppo agli investimenti in diamanti si è anche associata una clamorosa truffa soprattutto da parte di finanziarie e alcune Banche. E’ successo che sono stati proposti investimenti in Diamanti con un certo valore elevato che non corrispondeva affatto al valore effettivo del diamante su cui si è investito.

Conviene investire in Diamanti?

Il mercato dei metalli preziosi è regolato, per cui si determina attraverso il mercato il costo al grammo, variabile da un giorno all’altro e anche nell’ambito dello stesso giorno.

Facile, quindi, determinare se acquistare o vendere un certo peso d’oro, ad esempio, un grammo è sempre un grammo e il valore è chiaro, indiscutibile.

Non è altrettanto per i diamanti per i quali esistono numerose variabili. Intanto il suo peso, poi il grado di purezza, il taglio, il colore e molto altro. Per questo non può esistere una determinazione univoca del valore ma solo un valore determinato dai produttori.

In realtà, quindi, il mercato dei diamanti è determinato dalla stima di Istituti internazionali, è aleatoria e interpretativa, per quanto si cerchi di tendere ad una certa uniformità di valutazione.

Investire nell’acquisto di diamanti, quindi, significa mettere del denaro su un bene che mantiene nel tempo il valore ma anche che non è sempre facile riconvertire in denaro vendendolo. Esiste poi anche il costo di custodia in quanto non è assolutamente opportuno tenere i diamanti in casa e di questo costo bisogna tenere conto.

Vantaggi e Svantaggi

Riprendendo in parte quanto finora scritto, l’investimento in Diamanti presenta dei vantaggi tra cui il mantenimento del valore nel tempo che può spesso anche accrescersi.

Il loro valore resta certamente più costante, è poco influenzato da diversi fattori rispetto ad altri asset e sono poco ingombranti, per cui anche il costo di custodia, che pure è un fattore negativo, non è eccessivo.

Tra gli svantaggi occorre considerare che l’investimento in diamanti è  un tipo di investimento di lungo termine, per cui occorre entrare nell’ottica di un immobilizzo del capitale per molto tempo.

Facile vendere l’oro: è un’operazione praticamente immediata che può produrre un immediato realizzo di rendimento. Non è altrettanto per i Diamanti per i quali non è sempre facile trovare un acquirente, soprattutto se di alto valore.

Per questo motivo è sempre opportuno diversificare grandezza e valore dei diamanti. Per evitare i problemi derivanti dall’acquisto fisico dei diamanti è possibile investire acquistando azioni di aziende del settore oppure quote di Fondi di investimento sempre nel campo dei diamanti, ottenendo flessibilità e possibilità di disinvestire facilmente.

Di admin